venerdì, aprile 27, 2007

Alla fermata del (filo)bus

Ierisera fermata di Lambrate del 93 si presenta una variopinta folla umana.
Giovane coppia da poco formata, lo si capisce dalla rosa in mano a lei: la si compra nei primi incontri per dimostrare il proprio romanticismo. Lui è maghrebino, le dall'accento direi di origine sudamericana l'italiano è la lingua che usano per comunicare: prove di una nuova italia.
Nella vicina pizzeria al taglio una donna bionda, dall'accento dell'est, offre un pezzo della pizza che sta finendo ad una barbona/rom. Quest'ultima lo rifiuta con decisione. Dopo che finisce in pattumiera, ecco che la barbona con uno scatto inconsueto recupera un pezzo di pizza abbandonato su un tavolo, facendo infuriare la "benefattrice mancata" che l'accusa di essere cattiva!!
Finita la filippica della donna si accascia sulla panchina in attesa anche lei del mitico filobus. Sta per ri-iniziare la querelle, quando l'arrivo del 93 congela la situazione, strappandoci alle nostre riflessioni.

Direi che questa città mi riserverà altre entusiasmanti serate.

3 commenti:

ueuè ha detto...

Senti, sarà anche sciocco da parte mia, ma tu sembri veramente una persona molto sola. Però sei piccoso e suscettibile, e se qualcuno ti tende una mano sei anche sgarbato. Devi avere un carattere difficile che rende complicato comunicare con te. Saresti così gentile da spiegarmi onestamente quello che desideri per te? Questo è il mio ultimo tentativo. Se ne fai un sasso gettato nell'acqua resteranno solo minuscole onde nel web. Poco male.

Jakala ha detto...

Mi dispiace apparirti "piccoso e suscettibile", ma onestamente non saprei cosa risponderti.

Cosa desidero per me? Devo ancora capirlo, ma d'altronde è normale avendo un lavoro ( che non sempre mi piace) sono alla ricerca della "felicità", qualunque cosa significa.

ueuè ha detto...

Leggi il mio ultimo post, Jakala, puoi anche non lasciare un commento, se credi. Ma leggilo, perchè in qualche modo, sia pure molto indiretto, esso è dedicato anche a te.